— allabottega.it

Archive
Poesia

sostanza della separazione

 

Rimproverarsi l’impossibile,

schivare la realtà separata,

ritirarsi in disordine e fare

della cortesia arma dolciastra,

dell’erotismo medicina alla tristezza,

del porno il suo approfondimento,

rapporti sullo stato di coscienza,

su genitali sottoutilizzati, su gambe

grosse lunghe e accavallate durante

la partita a scacchi col fidanzato,

comodità di una vita calcolata a mosse,

schiena ben addossata alla parete

e coppie di amiche radiofoniche

che commentano i clienti come

sit-com, sedute in agio assoluto

in un weekend esageratamente

corto, e ci si scontra sul metodo

per portare a letto la piccola.

Potere che svendiamo, esercizio

della nostra influenza che naufraga

quando si mettono in atto rimproveri,

tu chiudi la porta della stanza

ed io mi chiudo la porta alle spalle,

cercando di dissolvermi prima possibile.

Strana difesa del sonno la tua,

quale dettato autorevole impedisce

agli adulti di emettere suoni mentre

i figli nella gabbia han già ceduto

ai tessuti soporiferi di un peluche?

Terreno psichico avvilito, stretto,

prospettive a misura di casa in miniatura.

Tenace copione al LuzieUfer,

dove la complice Isabel butta un occhio

alla finestra nel caso la compressione

del codice maschile fosse giunta in quelle ore

ad apoteosi, al proprio agognato compimento.

 

 

Read More

Archivi

Categorie